Un Capodanno alternativo. Anzi “costruttivo”.

"Vorrei trascorrere un capodanno alternativo… anzi costruttivo". È solo una delle numerose richieste, giunte durante le feste al sito www.santegidio.org. Infatti la crisi economica che ha colpito il nostro paese non ha spento la solidarietà.
Anzi, come si è potuto constatare proprio durante il periodo di Natale, è cresciuta la disponibilità ad aiutare e offrire il proprio tempo a chi ha più bisogno
A Roma, il 31 dicembre 2012, oltre cento universitari si sono dati appuntamento presso la parrocchia di San Tommaso Moro a San Lorenzo per preparare la cena per i senza dimora e pregare insieme per chi è povero e solo in questi giorni di festa.
Da lì sono partiti tanti "convogli solidali": gruppi di ragazzi che, nella notte, hanno portato allegria nei luoghi dove vivono gli amici senza dimora, visitati settimanalmente dagli universitari di Sant’Egidio. Un anno speciale davvero, quello che inizia con un brindisi davanti a una roulotte, o sotto i porticati di una piazza! Ma siamo certi che questa festa, come il 2013, è appena all’inizio.

Facebooktwittergoogle_plusmail