Niamey (Niger) – L’amicizia di Sant’Egidio con i minori in carcere

Quella dei minori in carcere è una delle più gravi sfide che i sistemi di detenzione africani devono affrontare.

Le condizioni di vita presenti in molte delle prigioni del continente, il sovraffollamento, i precari standard igienici, le limitazioni che riguardano il vettovagliamento e il rifornimento di sapone e vestiti, una certa qual debolezza delle garanzie giuridiche, già pesanti per chiunque, sono ancor più dure e penalizzanti per quel piccolo popolo di minori che è detenuto nelle carceri africane. 
Ciò che spesso manca è un pilastro della civiltà giuridica, la consapevolezza che il minore, anche se ha sbagliato, è un prigioniero cui rapportarsi in maniera diversa, la cui prigionia deve prevedere la frequenza di una scuola, deve tendere a percorsi di riabilitazione. Ciò che manca è uno sguardo differente, aperto al futuro, che indichi nuove strade a ragazzi disincantati o disperati, che crei un orizzonte e dei legami per un’umanità ancora bambina, privata di un normale tessuto affettivo. 
E’ su questa frontiera che si situa l’impegno delle comunità di Sant’Egidio africane nelle ali minorili dei penitenziari africani. E’ quello che, ad esempio, e lo leggiamo sul sito della Comunità, www.santegidio.org, fa la comunità di Niamey, in Niger.
“Le condizioni di vita nel carcere di Niamey sono estremamente precarie”, leggiamo: “I detenuti, alcuni di loro anche giovanissimi, mancano praticamente di tutto, dai vestiti al sapone. Anche il cibo scarseggia”. 
E però il sabato mattina, con l’arrivo dei loro amici della Comunità, per quei ragazzi nigerini la prospettiva cambia: “Ogni visita è un'occasione preziosa per parlare, raccontare i propri problemi, ma anche per riscoprire la bellezza dell'essere insieme: immancabili ogni settimana la partita di calcio e il pranzo, portato da fuori, che fa la differenza col menù degli altri giorni. L’amicizia cambia le persone, allevia la sofferenza e, nell’attesa del prossimo sabato, fa sognare una vita migliore”.

 

Facebooktwittergoogle_plusmail